L’Università la Sapienza di Roma decide di migliorare il servizio agli studenti, sviluppando insieme a Noovle un’applicazione che consente di trovare facilmente la strada all’interno della città universitaria, localizzando aule, dipartimenti e servizi.
La Sapienza diventa così, grazie alla partnership con Noovle, la prima università italiana ad avere un App per far orientare gli studenti, i docenti, il personale e i visitatori.

Avete mai fatto un giro nella città universitaria di Roma? La definizione di città non è esagerata se consideriamo che è composta da circa 40 edifici, 11 facoltà e 67 dipartimenti. Orientarsi non è facile neanche per chi la frequenta da anni, figuriamoci per le matricole.

La Sapienza ha scelto come partner tecnologico e di innovazione Noovle, che ha cercato di coniugare le tecnologie con le esigenze dell’università e dei suoi studenti. E’ nata così la prima app italiana per orientarsi all’interno di un ateneo: una piattaforma che consente di percorrere gli spazi della Sapienza in remoto e di individuare i punti di interesse, creando in modo facile e intuitivo percorsi per raggiungere le strutture del campus e memorizzare i luoghi con segnalibri personalizzati.

L’obiettivo è quello di rendere semplici gli spostamenti per matricole, studenti e per i numerosi visitatori che frequentano l’università per seguire iniziative ed eventi speciali. Il Virtual Tour Sapienza, navigabile da qualsiasi dispositivo, renderà così a portata di clic itinerari, dipartimenti, le principali aule e i tanti servizi offerti (biblioteche diurne e notturne, laboratori, musei, segreterie, punti di ristoro), che sono proposti nella piattaforma con materiale di approfondimento, foto e testi descrittivi.

La Web App, ospitata sul sito Sapienza, è inoltre dotata di una tavola pittorica dell’ateneo che permette all’utente di riconoscere immediatamente gli edifici di proprio interesse all’interno del campus.

Al momento sono geolocalizzati solo gli edifici della città universitaria, ma si sta lavorando per mappare entro la fine dell’anno anche le strutture diffuse sul territorio capitolino. Il servizio riguarda segreterie, aule, sale eventi, biblioteche diurne e notturne, musei, edifici e punti di ristoro, insomma tutti gli spazi “sensibili” all’interesse del pubblico.

La nuova App è unica nel suo genere, utilizza la tecnologia Custom StreetView e Google Maps per la visita virtuale degli edifici, e la georeferenziazione dei punti di interesse è possibile grazie alla piattaforma GeoCMS di Noove.

Fatevi un giro alla Sapienza! http://www.virtualtour.uniroma1.it/

Il percorso per rendere la nostra università un patrimonio a servizio degli studenti e dei cittadini passa anche attraverso strumenti che accolgano il pubblico e lo facciano sentire in un luogo amico – spiega il Magnifico Rettore Eugenio Gaudio – Con questo progetto, Sapienza è ancora più facile da raggiungere per tutti coloro che vogliano partecipare ai suoi eventi, visitare i musei, e condividere gli approfondimenti culturali: è un’ulteriore tassello che rende la nostra università sempre più una casa di vetro, trasparente nelle sue attività amministrative, come evidenzia il nuovo Portale ad hoc appena inaugurato, e aperta alle curiosità delle nostre giovani menti.

 

La Web App è stata sviluppata utilizzando un sistema di Custom StreetView, che consente all’Università La Sapienza di mantenere il pieno controllo sulle informazioni georeferenziate, fornendo agli utenti un’esperienza di navigazione virtuale per orientarsi nella città universitaria – dichiara Paolo Vannuzzi, CEO di Noovle – Come system integrator il nostro supporto ad aziende e organizzazioni complesse è sempre focalizzato sulle loro effettive esigenze. La Sapienza doveva conciliare l’usabilità con una digital customer experience in linea con i bisogni di una fascia di utenti abituata all’uso di app e strumenti mobile.