Google Apps for Work e Office 365 sono i più grandi player sul mercato quando pensiamo alle suite di collaborazione e comunicazione aziendale.

La scelta tra i due può essere ardua, di seguito un’analisi in 4 punti che vi potrà essere d’aiuto al momento dell’acquisto.

1. Le caratteristiche generali

Le due suite di produttività offrono principalmente le seguenti funzioni

9

E-mail in hosting

9

E-mail da mobile con una serie di dispositivi, tra cui iPhone e Android

9

Documenti / Fogli di calcolo / Strumenti di presentazione

9

Instant messaging / Conferencing

9

La possibilità di ospitare un sito web pubblico

9

La possibilità di utilizzare il proprio dominio e gli indirizzi e-mail

9

La capacità di gestire gli account in maniera autonoma

9

La condivisione dei calendari

9

Sicurezza (connettività criptata)

9

Supporto telefonico 24/7

9

SLA del 99,9%

2. I piani tariffari

Google Apps for Work prevede un licensing molto semplice: 40€/anno/account nella versione standard, oppure 96€/anno/account, nella versione “unlimited” (storage illimitato e Google Vault per l’eDiscovery relativa a email, chat, documenti e file).

Microsoft Office 365 prevede diverse soluzioni e, per ciascuna, esiste un piano specifico. Non ci dilungheremo illustrandole tutte, basti sapere che il range di costo oscilla tra 45€/anno/account a 218€/anno/account. Il top di gamma è la versione Enterprise E5 che include tutte le caratteristiche legate a Microsoft Office 365.

Come potete vedere nell’immagine, le licenze di Microsoft 365 possono variare molto rispetto all’ampiezza delle features incluse in base alla licenza scelta. La suite di Google Apps invece appare già completa nella versione ‘base’, le feature aggiuntive per la versione ‘unlimited’ consistono nello spazio di archiviazione illimitato e nella dotazione di Google Vault.

3. Risparmio

Al seguente link, potrete accedere ad un tool che vi aiuterà a determinare i vantaggi nel passaggio a Google Apps for Work. Il prospetto, realizzato da Forrester, consente di ottenere un’analisi puntuale basata sulle caratteristiche specifiche della vostra organizzazione.

Secondo Microsoft è possibile combinare piani diversi di Office 365. Da notare però che ci sono alcune limitazioni di licenza a seconda del piano selezionato. Office 365 Business, Business Essentials, and Business Premium  hanno  un limite di 300 utenti ciascuno, mentre i piani Enterprise sono per un numero illimitato di utenti. Ad esempio, è possibile acquistare 300 licenze Premium, 300 Business Essentials  e 500 Enterprise E3 su un singolo tenant.

4. I costi di implementazione e il change management

E i costi di installazione? Questi sono prezzi chiavi in mano. Nessuna spesa di inizializzazione o di fine contratto. La formula è “pay as you go” a seconda delle esigenze. Naturalmente bisogna considerare a parte i costi per  l’hardware e la connessione dei dati.

I costi di formazione dipenderanno da diverse variabili: dalle dimensioni dell’azienda  e dal background degli utenti.

Noovle dispone di un Team certificato e altamente preparato per quanto riguarda l’attività di Change Management aziendale. Il passaggio alla nuova soluzione sarà veloce e semplice grazie alle video pillole fornite gratuitamente alle risorse dell’organizzazione oppure attraverso sessioni di training organizzati in loco con momenti di demo live e di formazione partecipata.

*fonte della ricerca: Tech Pro Research