Gli ultimi dati diffusi riguardo al commercio elettronico non lasciano alcun dubbio, l’E-commerce ha definitivamente conquistato la popolazione italiana. Questa è la fotografia diffusa dai maggiori centri di ricerca in questo ambito: Casaleggio Associati e NetComm – Osservatorio Politecnico.

 

  • il 61% della popolazione internet compra online, e spende cifre considerevoli: 19,3 miliardi di acquisti per l’anno 2016. (Osservatorio-NetComm)
  • Mobile Commerce mania: gli acquisti da smartphone e tablet fruttano da soli 5,4 miliardi di euro e coprono il 24% degli acquisti (Osservatorio-NetComm)
  • Il mercato e-commerce è fatto per il 55% da servizi e il 45% da prodotti
  • Cosa compriamo online. Il mercato è dominato da: Abbigliamento (+25%), Informatica ed elettronica di consumo (+22%) e Turismo (+11%), più a sorpresa l’Editoria (+16%)
  • 115 milioni i prodotti ordinati nel 2016: +70 milioni rispetto ai servizi. Situazione contraria per la spesa tradizionale, con 253 euro per i servizi, 75 per i prodotti (Osservatorio – NetComm)

Tutto questo lascia presagire la fine per i punti vendita? Crediamo proprio di no.

Il canale tradizionale rimarrà sempre un punto di riferimento come dimostrato dall’infocommerce, fenomeno in costante crescita: le ricerche affermano infatti che il 72% degli acquisti in negozio sono preceduti da una ricerca delle informazioni sul prodotto o servizio via web. Il dato trova conferma anche da una ricerca realizzata da Google, la quale riferisce che il 76% dei consumatori visita fisicamente un negozio entro un giorno dal momento in cui ha effettuato una ricerca locale sul proprio smartphone. Il fenomeno dell’infocommerce è accompagnato anche dallo showrooming, infatti il 45% degli utenti che utilizzano lo smartphone, compie ricerche online mentre è in negozio.

Le tendenze suggeriscono che l’Omnicanalità è la strada più corretta per offrire alla clientela fidelizzata, ma soprattutto a quella potenziale, un’esperienza di shopping totalizzante, personalizzata, fluida: il passaggio da online a offline non deve essere percepito, in una parola, deve essere User Friendly.

Come fare? Come rendere visibile il proprio punto vendita online? Come offrire un’esperienza digitale anche nel punto vendita?

Oggi proviamo a proporvi due risposte:

DIGITAL SIGNAGE

Pensare ad una strategia comunicativa organica e centralizzata, simile sia sul web che in store, crea un vantaggio notevole in termini di efficienza ma anche di Brand Image. Questo consente di proporre un’experience univoca e quindi maggiormente riconoscibile e immediata per il proprio pubblico.
Le soluzioni di Digital Signage sono l’alleato perfetto per gestire la comunicazione in contesti diversi, consentono infatti di aggregare e distribuire le informazioni necessarie e più pertinenti per il pubblico, riducendo i costi di gestione con la massima sicurezza, grazie ad un circuito di dispositivi gestiti centralmente. Non ne sei convinto? Scarica il webinar The power of Intelligent Screens per approfondire il tema.

GEO RETAIL SOLUTION

L’utente di oggi è sempre connesso, soprattutto grazie ai dispositivi mobile che rivestono molteplici ruoli e consentono di soddisfare le proprie esigenze nel minor tempo e al minor costo possibile. Rendere il proprio punto vendita immediatamente visibile su mappa può apportare un vantaggio considerevole al business soprattutto rispetto alla concorrenza. Pensate allo shopping cittadino del sabato pomeriggio, quale è la differenza tra il vostro punto vendita e quello a 100 mt di distanza? “Farsi trovare” online, su mappa, tra i primi risultati nella barra di ricerca con informazioni esaustive circa gli orari e le offerte del proprio punto vendita sicuramente può essere determinante. Il tema ti incuriosisce? Scarica il webinar GEO RETAIL SOLUTION per sapere tutto sulle tecnologie più adatte per le tue esigenze.

Digital Signage Solution

SCARICA IL WEBINAR GRATUITO

Geo Retail Solution

SCARICA IL WEBINAR GRATUITO